Isabella Biagini: una panchina, il cane e la solitudine

 
Mariella Jannuzzi
19 marzo 2009
Commenta

isabella biagini 2 Isabella Biagini: una panchina, il cane e la solitudine L’ attrice sex symbol degli anni 70 si “esercita” a fare la barbona

Isabella Biagini, una panchina, il cane e la solitudine, questo è oggi l’ attrice sex symbol degli anni ’70, un cappello informe in testa, coperta da qualcosa che un giorno erano abiti ed il suo cane, avvolto intorno al collo come una sciarpa, una panchina in mezzo al traffico caotico di Roma, tra l’ indifferenza di passanti frettolosi e stressanti, troppo per fermarsi anche solo un momento, meglio non guardarsi intorno, è un po’ come non sapere, dunque, se non so, non posso fare. E’ più facile.

Isabella Biagini in quegli anni era stupenda, un’ attrice richiestissima, il sogno di tanti maschi italici, ha turbato il sogno di tanti adolescenti, una donna prorompente, provocante, burrosa, sguardi ammiccanti, una sensualità dirompente tutta italiana, il sesso personificato. Si era imposta all’ attenzione del pubblico per una trentina di film, non certo ad alto contenuto culturale, il suo personaggio era quello della svampita provocante, che se le ha dato successo, l’ ha anche penalizzata, le ha fatto perdere credibilità per le sue reali dote artistiche.

isabella biagini 1 Isabella Biagini: una panchina, il cane e la solitudine Isabella Biagini, non ha avuto una vita facile, neache nei tempi migliori, tre matrimoni falliti, relazione sbagliate, persone sbagliate ma, soprattutto la perdita di sua figlia Monica, a soli 36 anni, un’ atrocità dalla quale non si è mai ripresa, smessi i panni della svampita Isabella Biagini era tornata ad essere Concetta, dice nell’ intervista rilasciata al settimanale Oggi, che non voleva che sui giornali apparissero i titoli Il dramma della Biagini.

Con la perdita della mamma, qualche anno dopo, ha persone tutte le persone a lei più care.

Adesso vive con una pensione di 650 euro al mese, dice che ogni tanto prende coperta e cane e va in strada, per abituarsi a quello che ritiene sia il suo futuro, una panchina, nessuna casa di riposo vuole accettarla, dunque si esercita a fare la barbona. La gente pare che le dica che è ingrassata, ma, con quella pensione può permettersi solo un piatto di pasta, cerca di giustificarsi Isabella Biagini.

Nell’ intervista ad Oggi, Isabella Biagini, dice parole tristissime, che fanno capire quanto forte sia il suo dolore e quanto difficile sia stata la sua vita: “Ho pensato spesso che forse sarebbe stato meglio se non fossi mai nata”, e a proposito della sua vita: “La vita mi ha dato l’ impressione di una giacca troppo stretta, che non vedevo l’ ora di togliere.

Una donna forte Isabella Biagini, ma nel contempo fragile, tanti sogni infranti, come quello di essere una donna normale, con una vita normale ed una famiglia normale. Glielo auguriamo di cuore !

Articoli Correlati
YARPP
Siamo spiacenti ma al momento non esistono articoli correlati per Isabella Biagini: una panchina, il cane e la solitudine.
Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento