Matteo Guerra sbugiardato da Barbara D’ Urso a Domenica 5: ma quale flirt !

di Mariella Jannuzzi 1

L’ ex tronista si guadagna da vivere inventando flirt per finire sui giornali ed in tv, l’ ultimo sarebbe con la signora della domenica, Barbara D’ Urso, ma lei non ci sta.

Questa proprio non la doveva fare Matteo Guerra, l’ ex tronista di Uomini e Donne ha inventato un nuovo lavoro, quello del corteggiatore di donne famose che possono, all’ occorrenza dargli qualche giorno di visibilità su giornali e tv. Dopo Manuela Arcuri, Daniela Martani, Sara Varone e Sara Tommasi ha pensato bene di mirare più in alto, nientepopodimeno che Barbara D’ Urso, che lo ospita in qualsiasi sua trasmissione.

Per ogni flirt Barbara D’ Urso ha speso ore di trasmissione per lui, incoraggiando i confronti nei suoi salotti, telefonate di chiarimento con le sue prede, ma, quando la preda di Matteo Guerra è stata lei si è ribellata.

L’ impenitente con ambizioni artistiche (?) ha fatto un passo falso, Barbara D’ Urso per sbugiardarlo ha addirittura incaricato Salvo Sottile di intervistare i testimoni dell’ affair, in pieno stile pentiti di mafia, di spalle e con voci camuffate.

Nello studio di Domenica Cinque va in onda la soap, dopo le testimonianze anonime, arriva in studio Max Parodi, amicone di Matteo Guerra, la puntata va avanti con Barbara D’ Urso che fa l’ arrabbiata ed il conquistatore che ha stampato in faccia un sorrisetto incomprensibile.

Alla strampalata compagnia si aggiunge Elenoire Casalegno e Gabriele Parpiglia, anche lui diventato personaggio di punta di Canale 5, Matteo Guerra smentisce, Barbara D’ Urso attacca. Ma che senso ha tutto questo ?

Commenti (1)

  1. NON CREDETE ALLE VOCI CHE DICONO CHE MATTEO GUERRA E’ STATO CON ETTORE RAPALLO! E’ SOLO UNA SQUALLIDA MEZONGNA! MATTEO SEI UNICO, ETTORE RAPALLO NON TI HA FATTO SOFFRIRE SOFFRITTO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>