Lisandra Silva: nessuna storia con Chicco Nanni

di Mariella Jannuzzi Commenta

 Ed eccoci davanti ad un’ altra puntata della soap di Chiccho Nanni e le sue scappatelle con bellezze vip, lui, hair stylist delle star, si è fatto fotografare in più di un’ occasione al fianco di personaggi, ovviamente, famosi, in atteggiamenti poco rispettosi nei confronti di sua moglie Tina Cipollari, opinionista storica di Uomini e Donne, e mamma dei tre figli avuti da quel marito piuttosto irrequieto. Dopo Veronica Ciardi, si era passati a Lisandra Silva, stupenda creatura che è stata madre natura del seguitissimo di Paolo Bonolis, Ciao Darwin. Chicco Nanni si è cosparso il capo di cenere, ma sembrerebbe che Tina Cipollari sarebbe in procinto di chiedere la separazione.

Anche Lisandra Silva parte alla riscossa e si scaglia contro Chicco Nanni, al TGcom racconta di essersi sentita usata, si sente vittima del parrucchiere dei vip, e spiega il perché di quelle foto a bordo piscina: “Era lo stylist di un servizio fotografico, sono stata ingannata, mi ha spalmato l’ olio a tradimento durante il backstage e poi ha usato quelle foto”.

Smentisce, dunque, qualsiasi relazione con Chiccho Nanni, non lo conosceva, prosegue Lisandra Silva, è stata chiamata per un servizio fotografico, lui faceva parte del gruppo, gli scatti sono stati rubati dal backstage per far credere qualcosa che in realtà non c’ è mai stato, da qui la denuncia di essere stata usata.

Lisandra Silva è solidale con Tina Cipollari: “Mi dispiace per lei, è una persona seria, e non si merita un marito così”. Nel contempo, questa storia le ha creato parecchi problemi con il suo fidanzato Marco Ferri, ex tronista di Uomini e Donne che, secondo le cronache è stato mandato via da Maria De Filippi, mentre lui racconta di aver abbandonato spontaneamente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>