Alessia Marcuzzi: si sente la geisha di Francesco Facchinetti

di Redazione Commenta

Spread the love

E’ strano vedere una Alessia Marcuzzi che parla molto liberamente del suo rapporto con Francesco Facchinetti, nato sul finire dell’estate a sorpresa, non erano pochi quelli che credevano fosse solo una ricerca di pubblicità per i reality che i due conduttori si apprestavano ad iniziare. Ma, a distanza di qualche me, non troppi in verità, sono ancora insieme e sembra che fra loro tutti vada a gonfie vele.

Al settimana “A”, Alessia Marcuzzi entra nel suo privato: “In tv ho un aspetto scanzonato, da ragazzina, chiamiamola pure sindrome di Peter Pan. Però con il mio uomo, Francesco Facchinetti mi sento molto geisha. Sembro un po’ maschiaccia perché mi piace divertirmi, fare casino con gli amici, ma nell’intimità non sono una bambinona lessa. E non mi faccia dire altro perché non intendo scendere nei particolari”.

Vuole insomma dire che la maschiaccia televisiva nasconde, in realtà, una Alessia Marcuzzi molto sexy e femminile. E per le sue fughe d’amore torna fuori quella sia eterna insicurezza che la porta ad aver paura di soffrire di perdere il controllo ma: “Ci sto lavorando”, aggiunge.

Per il momento la loro differenza di età di 8 anni non sembra pesare, ed aggiunge che con i suoi fidanzati del momento si è sempre adattata alle loro passioni, che si trattasse di un archeologo o un appassionato di sport estremi, fino al momento in cui si è chiesta cosa piacesse realmente a lei e le cose sono cambiate.

Amore si ma la priorità di Alessia Marcuzzi è suo figlio Tommaso: “L’importante è che mio figlio stia bene, se sentissi che Tommaso è infastidito da qualcuno o da qualcosa, sarei la prima a capirlo. Con le persone con cui sono stata ha sempre avuto un buon rapporto”. Beh, insomma, a un certo punto dovrà pure fermarsi, anche se ancora non abbiamo capito perché il suo rapporto con Pietro Sermonti sia finita, pensare che per lui aveva lasciato Carlo Cudicini, per il quale aveva lasciato suo marito. Una vita sentimentale un po’ movimentata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>