Calendario 2010: Diva Futura le pornostar di Riccardo Schicchi

di Mariella Jannuzzi Commenta

Una gioia per il maschio italico da attaccare al muro ed ammirare per 12 mesi

Riccardo Schicchi è davvero un uomo dalle mille idee, una volta si diceva di persone dalla mente vulcanica “Una ne pensa, cento ne fa” è il suo caso, dopo il calendario commemorativo di Moana Pozzi, ne lancia un altro, Diva Futura 2010, che può vantarsi di scatti molto, molto bollenti.

Il calendario proposto da Riccardo Schicchi non potrà che lasciare a bocca aperta i maschietti italiani, Diva Futura 2010 è, infatti, il trionfo dell’ erotismo e dell’ allusione, scatti estremamente hot che ritraggono le divas dell’ imprenditore in pose sensuali, le pornostar immortalate non potranno che fare la gioia del popolo maschile italiano.

Le sensuali regine della notte arrivano non solo dall’ Italia ma da tutta Europa, chiunque entrerà in possesso di Diva Futura 2010 ne rimarrà turbato, i nomi famosi italiani spaziano da Stefania Blasi, Eleonora Forti, Vittoria Risi, Maurizia Paradiso e Laura Perego, ma ci sono anche, fra le altre, Mercedes Ambrus, Nikky Anderson e Beata ed Angel Dark, non c’ è che dire, un gradito benvenuto al nuovo anno, in aperta concorrenza con quello delle conigliette di PlayBoy.

Riccardo Schicchi conosce bene come provocare gli appassionati delle cinematografia pornografica, non a caso è il regista più scottante del panorama cinematografico hard italiano, non sarà più necessario guardare dal buco della serratura per ammirare un corpo nudo femminile, come faceva lui stesso da quando era ragazzino, per questo fu cacciato da scuola a soli 14 anni, basterà attaccare alla parete Diva Futura 2010, le divas sono lì nude per farsi ammirare in tutto il loro erotismo.

Da mozzare il fiato, comprare per credere !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>