Manuel Casella si confessa a Pomeriggio Cinque, una sorpresa essere papà

di Mariella Jannuzzi Commenta

Anche Manuel Casella è passato dall’intervista “Cuore a Cuore” di Barbara D’Urso a Pomeriggio Cinque. Più che altro conosciuto per essere stato il fidanzato di Amanda Lear, racconta le sue esperienza di vita, l’amore per lei tanto più grande, la notorietà improvvisa, il passaggio dall’Isola dei famosi, il rapporto contrastato con i genitori che da ragazzo considerava troppo invadenti e, infine, l’incontro con Linda Gigandino che lo ha appena reso papà di una bambina. La notizia di aspettare un bambino l’ha appresa al bar, Manuel Casella racconta di essere rimasto senza parole per 40 minuti, poi ha capito l’importanza di quel che stava accadendo.

La gioia di Manuel Casella è esplosa il giorno della nascita di sua figlia, ha preparato nella stanza dell’ospedale in cui Linda Gigandino era in piena fase di travaglio, una infinità di palloncini rosa e orsacchiotti sparsi ovunque per accogliere le donne della sua vita in grande allegria.

L’incontro con Amanda Lear è scritto una pagina importante nella vita di Manuel Casella, l’ha conosciuta in occasione della prima apparizione televisiva in Italia, faceva il valletto a Il brutto anatroccolo, un mondo a lui sconosciuto, hanno dovuto insegnarli tutto, poi l’amore per Amanda Lear che è durato sette anni: “Con lei sono rimasto in ottimi rapporti”.

Il rapporto con i genitori non è stato sempre rose e fiori, confessa Manuel Casella, lui voleva viaggiare, essere libero di organizzare la sua vita senza alcuna incursione dei suoi genitori, non diceva neanche loro dove fosse. Erano loro a cercarlo dove possibile, cosa che gli dava molto fastidio.

A distanza di tutti questi anni, Manuel Casella fa una riflessione, se un giorno sua figlia dovesse lanciare le stesse accuse che lui in gioventù ha urlato ai suoi genitori, non ne sarebbe affatto felice. Se anche la sua bambina dovesse un giorno dirgli “Sei troppo invadente”, esattamente come ha fatto lui, ne soffrirebbe molto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>